LIZZO SANDRO ELETTO PRESIDENTE ASSOTABACCAI CONFESERCENTI PRATO

Lizzo Sandro che gestisce la storica tabaccheria, da sempre associata alla Confesercenti, a Galciana in Via Ciulli, è il nuovo Presidente di Assotabaccai Confesercenti Prato.


«Un giorno importante – è stato il commento di Stefano Bonfanti Presidente provinciale di Confesercenti Prato– perché rafforziamo ed innoviamo il sindacato tabaccai Confesercenti, rispondendo ad una esigenza manifestata dagli operatori sempre più alla ricerca di una assistenza e soprattutto di una tutela sindacale. Sandro Lizzo sarà sicuramente un Presidente in grado di garantire la categoria e di essere interlocutrice importante nei confronti delle amministrazioni pubbliche».


«Ringrazio i colleghi per la fiducia accordatami, – sono state le prime parole del neopresidente Lizzo – fiducia che vorrei ripagare con l’impegno che metterò in questa nuova e gratificante avventura».
Gli operatori Assotabaccai Confesercenti della provincia di Prato che hanno partecipato all’Assemblea hanno discusso oltre che su i problemi della sicurezza, tema che è sempre ai primi posti nella riflessione di questi imprenditori, soprattutto dell’ aumento dei costi derivanti dall’introduzione dell’obbligo della moneta elettronica per i rivenditori dei generi di monopolio, in considerazione dell’esigua marginalità di cui vivono queste imprese.


Secondo il neo presidente Lizzo , «la convinzione dei nostri soci è quella che una norma che ha delle finalità condivisibili non deve però tradursi in un onere insostenibile per delle piccole imprese familiari come le nostre».
Per Lizzo «occorre riflettere con grande attenzione, perché la sacrosanta e condivisibile volontà di colpire chi non rispetta le leggi non può mettere a rischio una capillare rete che garantisce a tutta la cittadinanza prima di tutto un servizio, a partire dalla vendita dei valori bollati. L’obiettivo primario deve essere quello di creare le condizioni affinché i costi di gestione delle transazioni effettuate utilizzando la moneta elettronica siano ridotti il più possibile. C’è da parte di Confesercenti Prato la consapevolezza che trovare un punto di equilibrio su questa tema non sarà facile, ma non per questo si deve rinunciare a fare tutto ciò che è nelle possibilità dei soggetti coinvolti, a partire dal Governo».


«In subordine – conclude Lizzo – si chiede che i prodotti sottoposti a regime di monopolio o in concessione, come tabacchi, valori bollati e giochi, ricariche telefoniche e altri servizi, siano esclusi dall’obbligo di pagamento con moneta elettronica, perché non si può pretendere di costringere i piccoli imprenditori a sostenere oneri a volte anche più alti dello stesso margine di guadagno».

ALFONSINO MEI ELETTO NUOVO PRESIDENTE ENASARCO

Oggi, 25 gennaio 2022, a Roma si è riunito il Consiglio di Amministrazione di Enasarco che ha eletto il nuovo Presidente dell’Ente: Alfonsino Mei candidato dalla coalizione guidata da Confesercenti con Anasf, Assopam, Confartigianato, Federagenti e Fiarc.

Nella giornata del suo insediamento, il nuovo Presidente di Enasarco Alfonsino Mei ha dichiarato: “Questo incarico è per me un onore ed un impegno al quale mi dedicherò con grande passione. Vorrei che questa consiliatura diventasse il risultato della più ampia condivisione di idee, suggerimenti e proposte dei vari Consiglieri: le nostre diversità e le nostre opinioni, anche se divergenti, saranno solo un punto di forza che ci permetterà di mettere insieme i diversi punti di vista ed affrontare i problemi da diverse angolature. Il principale dovere cui tutti siamo chiamati, io per primo come Presidente, è di dare una risposta concreta ai nostri iscritti, fino ad oggi dimenticati, combattendo con ogni mezzo anche le conseguenze nefaste di questa pandemia”

FIARC TOSCANA: ANTONIO OLIVIERI CONFERMATO PRESIDENTE

Si è tenuta venerdì 26 novembre l’assemblea elettiva per il rinnovo delle cariche regionali della FIARC ToscanaFederazione Italiana Agenti e Rappresentanti di Commercio, aderente a Confesercenti Toscana. All’unanimità è stato confermato il presidente uscente Antonio Olivieri, che a sua volta ha nominato due vicepresidenti, Barbara Ripi e Maricla Aiazzi. Sono stati inoltre rinnovati i componenti della Presidenza regionale oltre agli invitati permanenti.

Durante l’elezione è stato presentato il programma dei prossimi quattro anni di lavoro, che si basa su tre punti essenziali: ascolto; cambiamento; partecipazione.

“Il primo obiettivo di FIARC Toscana è essere sempre più vicino agli Agenti, ascoltarli per capire le loro problematiche e le difficoltà che incontrano nello svolgimento della loro attività – ha dichiarato il presidente Antonio Olivieri. Con il secondo punto, il cambiamento, si intende l’inizio di un percorso di crescita che conduca ad una formazione personale e non generica, con lo scopo di generare autostima e padronanza della professione: troppo spesso infatti la mancanza di competenza fa abbandonare precocemente il campo. Per quanto riguarda la partecipazione – ha concluso Olivieririteniamo che l’attività sindacale debba coinvolgere il maggior numero possibile di Agenti per iniziare un percorso di condivisione che genera il confronto delle idee, spingendo così ad una più alta partecipazione e a nuove visioni che generano crescita ed emancipazione”.

CONFESERCENTI, PATRIZIA DE LUISE CONFERMATA PRESIDENTE NAZIONALE: “NECESSARIO PROMUOVERE L’INNOVAZIONE E LA SOSTENIBILITA’ DELLA RETE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE CHE RAPPRESENTIAMO”

Patrizia De Luise è stata confermata presidente nazionale di Confesercenti.  L’assemblea elettiva dell’associazione, che rappresenta oltre 350mila imprese del commercio, del turismo e dei servizi, ha approvato all’unanimità il rinnovo per altri quattro anni del mandato a Patrizia De Luise, eletta per la prima volta alla guida di Confesercenti nel 2017.  De Luise, imprenditrice di Genova e presente in Confesercenti da oltre 30 anni, è la prima donna a ricoprire la carica di Presidente nazionale di un’associazione di piccole e medie imprese dal dopoguerra ad oggi.

“Nel nostro lungo percorso abbiamo accumulato un tesoro di valori, esperienza e cultura di impresa. E i tesori, se bene conservati, col passare del tempo valgono di più. Questo è il compito che ora spetta a noi: valorizzare tutto quello che i nostri predecessori ci hanno consegnato. Ma il must deve essere: guardare al futuro. Dobbiamo aprire al nostro mondo tutte le opportunità offerte dal PNRR, favorendo l’innovazione e la sostenibilità della rete delle piccole e medie imprese che rappresentiamo. Dovremo lavorare anche sui temi della rappresentanza e della contrattazione, così come sulla grande occasione rappresentata dai progetti di rigenerazione urbana per le attività di prossimità, imprese fondamentali per il tessuto sociale della nostra Italia. Abbiamo davanti quattro anni impegnativi, una sfida importante da vincere per costruire insieme quel Paese migliore che vogliamo consegnare ai nostri figli”, così la presidente De Luise.

STATI GENERALI: DE LUISE, “E’ IL MOMENTO DELLA RESPONSABILITA'”

Le imprese di vicinato non hanno solo un considerevole valore economico, ma contribuiscono anche alla qualità della vita sul territorio e nelle città. Un ruolo di presidio sociale di cui bisogna assolutamente tenere conto.

“Gli Stati Generali sono il momento della responsabilità: dobbiamo non solo decidere bene come utilizzare le risorse in arrivo dall’Europa, ma anche assicurarci che le misure vengano messe in campo nel modo più efficiente possibile”.

Così la Presidente nazionale di Confesercenti Patrizia De Luise, in occasione del Webinar “Europa: sfide e opportunità per la ripresa”, l’approfondimento dedicato a Next Generation Eu dall’associazione in collaborazione con Arel, cui hanno partecipato come relatori anche il responsabile Europa di Arel Michele Bellini ed il Segretario Generale di Arel, Enrio Letta, Presidente del Consiglio emerito.

“Dobbiamo trovare le soluzioni più incisive per favorire la ripartenza del Paese, impiegando al meglio i fondi del piano Next Generation EU”, ha spiegato De Luise. “Si tratta di un’occasione unica per un nuovo rinascimento economico, che non dobbiamo fallire. Purtroppo, però, c’è ancora un alto livello di incertezza, tra le imprese e tra i lavoratori. Occorre una svolta: gli Stati Generali a cui siamo stati chiamati sono un passaggio fondamentale per individuare la strada più opportuna e sicura per il rilancio del Paese e per trasformare le risorse in una leva importante per la ripresa”.

“Abbiamo bisogno di riforme vere, di investimenti pubblici in infrastrutture materiali ma anche immateriali, come l’esperienza del lockdown ci ha dimostrato. Tutta la nostra economia ha pagato un prezzo molto per la carenza infrastrutturale italiana. Allo stesso tempo non dobbiamo dimenticare i quartieri: le imprese di vicinato non hanno solo un considerevole valore economico, ma contribuiscono anche alla qualità della vita sul territorio e nelle città. Un ruolo di presidio sociale di cui bisogna assolutamente tenere conto”.

“In generale, dobbiamo modernizzare il paese e dare una nuova spinta alla semplificazione e alla trasparenza. Fondamentale sarà varare misure sartoriali, tagliate sulle diverse tipologie di attività. In particolare, ci servono dei piani speciali per sostenere il rilancio sia delle imprese di vicinato sia della filiera del turismo. Ma anche regole per riequilibrare la concorrenza dell’online e investimenti nella formazione e nel lavoro, con norme più flessibili ed incentivi per favorire la nuova occupazione. Per fare questo sarà importante lavorare insieme, superando divisioni e posizioni ‘di parte’, con l’obiettivo di fare l’interesse di tutto il Paese”.

Emergenza Coronavirus: Confesercenti a tutela delle imprese

La lettera della Presidente Confesercenti Nazionale Patrizia De Luise
“Carissime e carissimi da venerdì 21 febbraio le attività di tantissimi nostri associati sono entrate in una dimensione nuova, nei confronti della quale rischiamo di trovarci impreparati, nella vita d’impresa come in quella familiare e sociale”. “In questa situazione Confesercenti garantirà collaborazione alle amministrazioni e alle autorità ma anche il massimo supporto alle imprese. Si tratta di una fase difficile, in cui è necessario evitare gli allarmismi. Rimane però il problema dell’impatto dell’emergenza epidemiologica sulle attività imprenditoriali: l’inattività, se protratta nel tempo, porterà alla crisi interi comparti economici, in primo luogo quelli del terziario”.“Un problema che non riguarda solo le cosiddette zone rosse, ma in prospettiva l’intero tessuto commerciale e ricettivo del Paese. Il turismo sta già scontando l’impatto dell’emergenza coronavirus. Da tutto il territorio nazionale arrivano segnalazioni di viaggi annullati, di strutture ricettive coperte da disdette e mancate prenotazioni”.

“In una prospettiva in cui i consumi rischiano di bloccarsi, restringendosi ai soli generi di prima necessità, i mercati di non svolgersi, i bar e i ristoranti di fermarsi, è mio dovere fare tutto il possibile per garantire futuro a chi fa impresa e a chi lavora per l’impresa”.“Confesercenti è già al lavoro per ridurre i danni alle attività. Ieri, in un primo incontro al ministero del Lavoro, abbiamo ricevuto già alcune risposte positive: moratoria per i pagamenti su mutui, utenze e contributi, ma anche aperture sull’estensione delle misure di sostegno dei lavoratori dipendenti ad autonomi e microimprese. Un passo avanti, ma c’è ancora lavoro da fare per garantirci altri interventi strutturali e tempestivi. Tenetevi in contatto con le nostre associazioni territoriali e comunicateci ogni problema ed ogni esigenza. Collaborate. Noi vi saremo vicini.”

Patrizia De Luise Presidente Confesercenti Nazionale

 


Caro Collega,
in questi giorni particolari di “emergenza” sanitaria, legata alla diffusione nel nostro paese del cosiddetto “Coronavirus”, si stanno diffondendo sentimenti di forte apprensione e paura, soprattutto nel mondo dell’impresa diffusa; imprese come la tua, che ogni giorno combatte per sopravvivere in un contesto economico e sociale sempre più difficile. Confesercenti è la tua Associazione, una comunità di uomini e donne, che ora più che mai devi sentire come la casa per la tua impresa; ed è per questo che abbiamo deciso di agire con forza per mettere in campo tutte le contromisure possibili nei confronti del Governo, della Regione, delle Banche, ecc. utili a contenere i danni attuali e quelli possibili che si stanno scaricando direttamente nel mondo del turismo (strutture ricettive, bar, ristoranti, agenzie, ecc.) ma indirettamente anche sul mondo del commercio, turismo, servizi, artigianato, ecc. Qui trovi le misure di carattere economico, fiscale e di sostegno all’occupazione che, come Confesercenti, stiamo trattando in questi giorni, i cui primi effetti sono contenuti nel decreto fiscale denominato dal Governo “Covid19” al quale, seguiranno altre misure nei prossimi giorni. Inoltre, puoi trovare una stima degli impatti economici della diffusione del Coronavirus realizzata dal nostro ufficio economico e CER, per avere una dimensione realistica, oggettiva e seria di quello che potrebbe accadere. Potrai inoltre trovare alcuni documenti, perché riteniamo un dovere contribuire a diffondere solo ed esclusivamente contenuti e notizie “ufficiali” e quindi le informazioni, che ricevi dalla tua Associazione sono e saranno certe, verificate e utili a leggere quello che sta accadendo, perché il nostro compito è accompagnare imprese come la tua, nelle decisioni che ogni giorno deve assumere e farlo in maniera consapevole ed informata è oggi, indispensabile. Buon lavoro e conta su di noi.

 Nico Gronchi Presidente Confesercenti Toscana

PREMI QUI studio aggiornato sulla base dei provvedimenti e adottati dalle Regioni del Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia 27/02/2020

PMI: RETE IMPRESE ITALIA, DA GENNAIO PATRIZIA DE LUISE PRESIDENTE DI TURNO

PMI: RETE IMPRESE ITALIA, DA GENNAIO PATRIZIA DE LUISE PRESIDENTE DI TURNO

Dfj24VPW0AAMLuQ

Dal primo gennaio 2020 la Presidente nazionale di Confesercenti Patrizia De Luise ha assunto il ruolo di nuovo Presidente portavoce di turno di Rete Imprese Italia, l’Associazione che unisce le cinque principali organizzazioni di rappresentanza delle PMI e dell’impresa diffusa in Italia (Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti).

De Luise succede al Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, e resterà in carica fino al 30 giugno 2020.