Dal 6 agosto 2021 il Green pass è obbligatorio per tutti i cittadini dai 12 anni in su per accedere a determinati servizi/attività

GREEN PASS sono validi i certificati:

  • cartacei o digitali che attestano l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2
  • la guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi) certificata dal medico
  • test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore)

QUANDO SERVE

– per accedere ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti. Il certificato NON E’ invece necessario per consumare al bancone, anche se al chiuso;

per l’accesso a :

  • spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;
  • musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  • piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  • sagre e fiere, convegni e congressi;
  • centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;
  • attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  • concorsi pubblici.

Per la verifica del green pass si dovrà :

Se il riconoscimento viene effettuato da personale dipendente/collaboratori, il titolare dell’attività dovrà compilare apposito modulo di designazione verificatore (vedi allegato di seguito)

Per quanto riguarda l’obbligo di avere il green pass per i titolari/dipendenti/collaboratori, al momento ci sono notizie contrastanti ed è stato richiesto specifiche in merito

Rimangono in vigore le disposizioni anti-covid precedenti

  • l’obbligo della mascherina negli ambienti al chiuso;
  • l’obbligo dei prodotti per l’igienizzazione delle mani e della pulizia degli ambienti (registro sanificazione)
  • l’obbligo di mantenere l’elenco dei soggetti che hanno frequentato il locale per 14 giorni;

Per aiutarvi nella comunicazione abbiamo predisposto apposito cartello di avviso per i clienti (vedi allegato di seguito)

CAMBIO COLORE DELLE REGIONI

Viene stabilito nel 10% l’occupazione dei posti letto nelle terapie intensive e nel 15% delle ospedalizzazioni il tetto per decretare il passaggio dalla zona bianca a gialla , con le conseguenti restrizioni già definite nelle misure passate.

Terapie intensive al 20% e al 30% per le ospedalizzazioni per passare alla zona arancione.

Terapie intensive al 30% e al 40% per le ospedalizzazioni per entrare in zona rossa.

Le discoteche restano chiuse.

Lo stato di emergenza è stato prorogato al 31 dicembre.