Gli imprenditori individuali che – al 31 ottobre 2015 – possedevano beni immobili strumentali possono optare entro il termine del 31 maggio 2016 per l’esclusione degli stessi immobili dal regime d’impresa, beneficiando dell’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e dell’IRAP pari all’8%. Tale imposta si applica sulla differenza tra il valore normale o il valore catastale dell’immobile e il costo fiscalmente riconosciuto al momento dell’estromissione.

L’operazione non comporta in ogni caso il pagamento dell’imposta di registro e di quelle ipotecarie e catastali.

La legge di Stabilità 2016 (art. 1, comma 121, legge n. 208/2015) ha riproposto una misura particolarmente attesa dagli imprenditori individuali che intendono estromettere beni immobili strumentali dal regime d’impresa.

La norma, infatti, riconosce nei confronti di tale categoria di imprenditori la possibilità di optare per l’esclusione dal patrimonio dell’impresa degli immobili strumentali posseduti alla data del 31 ottobre 2015, trasferendoli nell’ambito della sfera patrimoniale privata mediante il pagamento di un’imposta sostitutiva dell’8% sulla differenza tra il valore normale o catastale del bene e il suo costo fiscalmente riconosciuto.
L’opzione avrà  validità  dal periodo d’imposta in corso al 1° gennaio 2016.

In realtà l’esercizio dell’opzione entro il 31 Maggio è solo formale in concreto l’estromissione si realizza con il pagamento entro il 30 Novembre del 60% dell’imposta sostitutiva dovuta, il restante 40% sarà versato entro il 16 Giugno 2017.

RivolgeteVi al Vostro consulente per  fissare un appuntamento dedicato per poter avere maggiori  informazioni e conteggi dettagliati.

Per informazioni
Ufficio Tributario Confesercenti Prato
Valentina Nocentini